Via Dante Alighieri 30, Farra D'Isonzo (Go)
+39 3290703440
info.vecchione@gmail.com

Ansia

Psicologia

L’ansia è una reazione fisiologica che si attiva in maniera spontanea quando ci troviamo in situazioni di potenziale pericolo.

Una certa percentuale di ansia, può essere utile per permettere al nostro sistema fisico di renderci pronti a rispondere in determinate situazioni (ad. esempio, durante un colloquio di lavoro o un esame). E’ un’emozione normale da provare in particolari contesti.

Quali sono i disturbi d’ansia?

Parliamo, invece, di disturbo d’ansia quando questa si manifesta con un’attivazione eccessiva e spropositata rispetto al momento che stiamo vivendo.

Alcuni disturbi possono avere esordio durante l’infanzia e persistere nel tempo, rendendo invalidante il funzionamento dell’individuo nei momenti di vita quotidiana.

Spesso, ci possono essere anche sintomi fisici quali:

  • tremore
  • dolore al petto
  • palpitazioni
  • sudorazione
  • nausea
  • vomito
  • mal di testa
  • vertigini

I disturbi d’ansia riguardano diversi aspetti:

  • Disturbo d’ansia generalizzata
  • Disturbo d’ansia da separazione
  • Mutismo selettivo
  • Disturbo Ossessivo Compulsivo
  • Ansia sociale
  • Ansia scolastica
  • Disturbo d’ansia indotto da sostanza/farmaci
  • Disturbo di Panico

Il Disturbo di panico, in particolare, si manifesta con episodi (attacchi) di intensa e improvvisa paura, del tutto inaspettata e apparentemente immotivata. Si accompagna a sintomi fisici quali palpitazioni, vertigini, senso di soffocamento, paura di morire o di impazzire.

E’ un disturbo che si manifesta molto frequentemente e può essere legato a periodi di forte stress fisico, psicologico ed emotivo. Spesso gli attacchi di panico cominciano a manifestarsi già in età adolescenziale.

Trattamento:

L’utilizzo di farmaci può non essere del tutto risolutivo. E’ consigliabile associare un’ adeguata terapia. L’obiettivo è individuare e  sciogliere i nodi relazionali alla base di tale disturbo. In questo modo la persona può comprendere i meccanismi disfunzionali sottostanti al sintomo, riuscendo a modificarli e a ritrovare uno stato di benessere.